Solette in cuoio e microporosa Visualizza ingrandito
Solette in cuoio e microporosa
Trascina il mouse o il dito sull’immagine, o cliccaci sopra
Solette in cuoio e microporosa Solette in cuoio e microporosa Solette in cuoio e microporosa

Solette in cuoio e microporosa

Nuovo

Coppia di solette in cuoio e microporosa. Per una calzata salubre, asciutta e ben ammortizzata.

NB. Spese di spedizione gratuite per questo articolo se si acquista anche un paio di scarpe.

Maggiori dettagli

  • 35
  • 36
  • 37
  • 38
  • 39
  • 40
  • 41
  • 42
  • 43
  • 44
  • 45
  • 46

Aggiungi alla lista dei desideri

25 €

Numeri in produzione Dal 35 al 46
Stagione d’uso Tutte le stagioni
Soletta cuoio e microporosa
Plantare estraibile

Il sottopiede è estraibile e consente di essere sostituito con un proprio plantare personalizzato o con lo stesso, alla fine di un primo ciclo di utilizzo. È in soffice lattice (denso a sufficienza per durare nel tempo, senza afflosciarsi), rivestito della stesse pelle a concia vegetale della fodera.

Sono già presenti nel modello modello Lince ed apprezzate per la loro forma contenitiva.

Scrivi una recensione

Solette in cuoio e microporosa

Solette in cuoio e microporosa

Coppia di solette in cuoio e microporosa. Per una calzata salubre, asciutta e ben ammortizzata.

NB. Spese di spedizione gratuite per questo articolo se si acquista anche un paio di scarpe.

Manutenzione pelle
La pelle liscia, detta anche “pieno fiore”, è la pelle più resistente. Si mantiene con un’ingrassatura regolare, effettuata ogni mese o tutt’al più a ogni stagione. Il procedimento mantiene la pelle morbida, ne rigenera la capacità idrorepellente e ne prolunga la durata. Si può usare un qualsiasi grasso neutro per pelle e/o per scarponi (allo scopo noi proponiamo il grasso Aquila in cera, composto esclusivamente di ingredienti di origine vegetale; ma potrebbe andare bene anche dell’olio di oliva o altri tipi di grasso, come per esempio la lanolina). Il procedimento è molto semplice e si effettua, previa spolverata, impregnando un panno o dell’ovatta o una spazzola a setole morbide e strofinando il grasso su tutta la tomaia e poi lasciandolo assorbire.  


Manutenzione nabuk
Il nabuk è una pelle pieno fiore che ha subìto una leggera carteggiatura superficiale, che le conferisce il tipico aspetto opaco, leggermente più sportivo. Per mantenere questo tipo di pelle sempre bella e morbida e prolungarne la durata sarà sufficiente ingrassarla (previa spolverata), vedi sopra.

Manutenzione camoscio
Per lo sporco ordinario di tutti i giorni, non è richiesta alcuna manutenzione particolare, se non una semplice spazzolatura a secco, meglio se con spazzolino a setole metalliche (ben incisivo sul camoscio, dal cosiddetto effetto ‘scrivente’). Per macchie ostinate, seguire le istruzioni del video seguente, in cui Gigi mostra la procedura per la smacchiatura ad acqua. Se la macchia fosse unta, si lasci prima assorbire del talco sull’alone.
Importante: lasciare asciugare lontano da fonti dirette di calore.





Manutenzione lino

Non è richiesta alcuna manutenzione particolare. Se la scarpa prende la pioggia, attendere l’assorbimento naturale dell’umidità. Se si macchia, smacchiare con un vecchio spazzolino da denti e un po’ d’acqua ed eventualmente, su macchie ostinate, un po' di sapone di marsiglia. Lasciare asciugare lontano da fonti dirette di calore.